borghi toscani - costa degli etruschi - Toscana

La Nostra Terra

Borghi Etruschi


I Borghi Medievali

… i cipressi che a Bolgheri alti e schietti van da San Guido in duplice filar... sono i versi con i quali il poeta Giosuè Carducci ha descritto la bellezza di questo luogo incantevole: il Borgo Medievale di Bolgheri adagiato tra le colline e il mare , uno dei più belli di tutta la “Costa degli Etruschi” nel quale è possibile rivivere il passato.

Suvereto, Campiglia, Bolgheri, Castagneto Carducci, Bibbona, Rosignano Marittimo, Sassetta e Populonia sono borghi antichissimi caratterizzati da vicoli lastricati, chiesine silenziose, antiche botteghe artigianali.

Un itinerario fiabesco alla scoperta di castelli, parrocchie, piccoli teatri all'aperto, ruderi e paesi abbandonati e riconquistati dalla vegetazione. Una armonia architettonica Medievale suggestionata da testimonianze Etrusche, Romaniche e Rinascimentali patrimonio culturale e storico di questi luoghi incantevoli.

Castiglioncello

Antico Villaggio Etrusco, Castiglioncello domina un piccolo promontorio che è l'ultima propaggine dei Monti Livornesi. Questo paese divenne famoso intorno alla metà dell'800 con Diego Martelli (critico d'arte e mecenate) che costruì una sontuosa dimora (oggi Castello Pasquini) dove ospitò il famoso gruppo dei Pittori Macchiaioli, creando la scuola di Castiglioncello. I Macchiaioli erano un movimento pittorico nato a Firenze intorno al "Caffè Michelangelo", ritrovo di artisti, letterati e bizzarri intellettuali.

Molti di questi letterati giunsero a Firenze tra il 1855 e il 1862. Negli anni '60 Castiglioncello tornò alla ribalta internazionale grazie al film "il sorpasso" con Vittorio Gasmann, ambientato in questi luoghi. Per questo motivo ci sono molte famose ville comperate da attori famosi nazionali e internazionali facendo diventare Castiglioncello una meta turistica di Elitè. Vi abitarono, Pirandello, Zeffirelli, Gasmann, Sordi, Mina, Spadolini, Panelli, ecc. Ancora oggi molti esponenti del mondo dell'arte e della Cultura amano soggiornare in questi luoghi.

Castiglioncello è la perla del tirreno, località turistica di grande prestigio. Circoli Nautici ben organizzati garantiscono un ottima assistenza, rosse scogliere a picco sul mare, baie riparate, spiagge e calette bagnate da un mare limpido. Una splendida passeggiata a mare parte da Punta Righini fino al Porto Turistico di Rosignano attraversando tutta la Pineta Marradi.

Guardistallo e Montescudaio

Il Borgo di Montescudaio si presenta ancora oggi raccolto entro i resti della sua cinta muraria mantenendo intatto il suo fascino medievale vatto di vicoli lastricati in pietra e di rustiche abitazioni. La Cinta Muraria mostra le antiche Torri tra cui la più nota "Torre Guardiola". Sulla piazza principale del paese è ubicata la Chiesa di SS. Maria Assunta dalla quale si può raggiungere la Duecentesca "Torre Civica" posta in prossimità della via del borgo.

Particolarmente favorito dalla posizione geografica, Guardistallo sorge su un costone collinare a 280 m slm e il suo territorio si estende per 24 Kmq. Con la sua tipica posizione a ferro di cavallo sembra abbracciare la lussureggiante vallata che lo separa dal mare (solo 10 km). Il Piccolo Borgo mantiene turre le caratteristiche dei paesini medievali immerso in un meraviglioso contesto naturale. La prima occupazione risale probabilmente all'età neolitica. Fu territorio di passaggio per gli etruschi che dovevano collegare Volterra con Populonia, ed è certa sul territorio la presenza del popolo Longobardo che costruì il Castello intorno al VII secolo d.C.sulla sommità del colle ove sorge il paese.

Bibbona

Incastonata in un ambiente naturale di rara bellezza, nella valle del fiume Cecina, Bibbona ha il fascino dell'Antico Borgo Medievale immerso nel verde dei boschi della campagna. La sua Marina, moderna e attrezzata, è meta di turismo internazionale che ama vacanze rilassanti e ricche di opportunità per lo sport e il divertimento. Marecristallino, folte e caratteristiche pinete e una bella spiaggia caratterizzano questo luogo in tutte le stagioni. Sulla spiaggia di Bibbona come a Marina di Castagneto è ubicato un Forte Medievale dove vengono organizzate mostre culturali, fotografiche ed enogastronomiche. Il bosco della Macchia della Magona è uno splendido ambiente naturale protettoe ospita tutte le specie di vegetazione mediterranea ed è un oasi biogenetica.

Castagneto Carducci

Questo antico borgo medievale, costryuito in collina davanti al mare in una campagna rigogliosa e incointaminata, presenta un campionario pressoché completo di ambienti naturali ed umani: la marina con il litorale sabbioso e le pinete costiere; le zone palustri ricordo dell'antica Maremma; la campagna costellata di ville, poderi, case coloniche; le colline dalle forme e dai colori tipicamente toscani; i piccoli borghi che custodiscono gelosamente palazzi, vicoli e angoli caratteristici; i paesaggi quasi senza fine che si perdono oltre il mare fino alle isole dell'Arcipelago Toscano. Dominato dal Castello della Gherardesca costruito intorno al 1000. La storia di questo è legata alle vicende della famiglia della Gherardesca, un legame non sempre pacifico con la popolazione che ha sempre chiesto e combattuto per l'indipendenza. Sulla fine del XII secolo, Enrico VI del Sacro Romano Impero donò i Castelli intorno a Castagneto, Bibbona e Campiglia alla città di Pisa.
I Territori passarono poi al Granducato di Toscana e i privilegi feudali rimasero nelle mani della famiglia della Gherardesca fino al 1749, anno in cui furono aboliti i feudi granducali.
Il Paese di Castagneto Carducci oltre al Castello della Gherardesca è caratterizzato da vicoli lastricati, terrazze naturali che guardano il mare e la campagna, piazze armoniose, antiche botteghe artigiane e caratteristiche osterie.

Bolgheri

Piccolo Borgo Antico nel Comune di Castagneto Carducci, appartenente alla Provincia di Pisa fino al 1925 anno in cui passo sotto la Provincia di Livorno. Le origini del Castello di Bolgheri si perdono nel tempo, ma è certo che intorno al 900 d.C., Gherardo della Gherardesca, conquistò questo Castello già abitato e dette origine alla sua stirpe su tutto il litorale fissandone il caposaldo politico in Pisa.

Lungo la Via Aurelia, a pochi metri dall'inizio del Viale dei Cipressi, sorge l'oratorio di San Guido a pianta ottagonale eretto nel 1705. Accanto a questo monumento sorge un piccolo obelisco realizzato nel 1957 alla memoria di Carducci che riporta i versi della poesia "Davanti a San Guido".

Il Conte Guido Alberto della Gherardesca fiasncheggiò il tratto di strada da Bolgheri a San Guido con piante di vario genere che più tardi vennero sostituite con i famosi cipressi. Questo splendido viale è unico con i suoi 2600 cipressi che costeggiano, in un monumento alla natura, la strada che porta dalla vecchia Via Aurelia fino al Borgo di Bolgheri, in un carosello fantastico di luci ed ombre, di macchia mediterranea e di ordinati e famosi vigneti. Fermatevi a guardare i colori, respirate quest'area dalle mille essenze e memorizzate le sensazioni che faranno parte dei vostri ricordi legate a questo luogo e vi accorgerete che corrisponderanno alle descrizioni nelle liriche del poeta.

La Campagna circostante il Borgo di Bolgheri è caratterizzata da magnifiche strade che si snodano nel verde come il Viale dei Cipressi, ma anche la bellissima Via Bolgherese, detta anche Strada del Vin, che collega Bolgheri a Castagneto. Ricca di Poderi, di Agriturismo e importanti allevamenti equestri e la strada nota per i pregiati vini prodotti in questo angolo di Toscana, meta ideale per chi ama fare passeggiate a piedi, in bicicletta e a cavallo. Qui viene prodotta la DOC Bolgheri nota per i famosi vini "Sassicaia" e "Ornellaia" tra i migliori al mondo.

Recentemente Bolgheri è stata classificata dal New York Times tra le dieci più belle città turistiche al mondo.

Suvereto - Sassetta - Campiglia

Sassetta - E' un piccolo e delizioso borgo le cui origini risalgono intorno all'anno 1000. Il Castello medievale e la Fonte Battesimale romanica sono monumenti di rara bellezza da non perdere. Curiosa la visita del Museo del Bosco, in cui viene rappresentata la vita quotidiana e gli antichi mestieri di un tempo, come quelli degli antichi carbonai e dei raccoglitori di castagne.

Campiglia Marittima - Adagiata su un colle dal quale domina il mare e la campagna circostante. In questa terra nel cuore della Val di Cornia sono presenti suggestive testimonianze della Civiltà Etrusca, Romana e medievale. Da non perdere il Parco Archeominerario di San Silvestro, splendido museo a cielo aperto, dove si racconta l'affascinante storia della lavorazione dei metalli in epoca etrusca e nei secoli successivi.

Il Centro Storico, al quale si accede tra suggestive porte di accesso, è raccolto entro la cinta muraria e sulle cui piazze si affacciano botteghe artigiane, musei e osterie.

Populonia e il Golfo di Baratti

E' una zona che si estende tra le pendici del Promontorio di Piombino e il Golfo di Baratti, dove sorgeva la Città Etrusca di Populonia nota fin dall'antichità per la sua intensa attività metallurgica legata alla produzione del ferro. Populonia è l'unico esempio di città etrusca costruita sul mare.

Il Parco Archeologico è articolato in diverse aree visitabili che permettono di cogliere la trasformazione paesaggistica con passare dei secoli. La costa boscosa del Parco è rivolta verso l'arcipelago e le sagome scure dell'Elba e della Corsica hanno costituito fin dall'antichità le quinte naturali di un paesaggio di terra e mare.

Una rete di itinerari unisce la città delle case e dei templi alla città industriale e delle Necropoli che si adagiano sulle prime colline e cingono le insenature. Tra i boschi si trovano anche i ruderi di un monastero dedicato a San Quirico.

Il Parco Archeologico di Baratti e Populonia, che si trova nel Comune di Piombino e si sviluppa su una superficie di circa 80 ettari, è un vero e proprio museo a cielo aperto della Civiltà Etrusca.

 

Nella Necropoli di San cerbone si trovano le sepolture di vari periodi (VII - V sec. a.C.); dalle Tombe a Tumulocome la monumentale Tomba dei Carri, a quelle a Edicola come la Tomba del Bronzetto delle Offerte mirabilmente conservata e situata proprio a ridosso della spiaggia. Questi monumenti sono stati rinvenuti nei primi anni del 900 poichè l'intera area era ricoperta dalle scorie ferrose prodotte dai forni che, in età etrusca e romana, lavoravano l'ematite. Ancora oggi, sulla via del ferro, permangono, edifici adibiti alla raffinazione del minerale.

Se si vuol godere di una vista magnifica sul Golfo di Baratti si deve percorrere il sentiero boscoso di Via delle Cave al Belvedere. Dove si trova la Necropoli delle Grotte famosa per ospitare Tombe a Camera scavate direttamente nella tenera Calcarenite. La Costruzione medievale della fortezza potrebbe essere stata edificata durante il periodo di controllo da parte di Pisa tra la fine del XIII e XIV secolo.